OPERAZIONI DI MICROCREDITO

L’INTERVENTO DEL FONDO  DI GARANZIA PER LE PMI SULLE “OPERAZIONI DI MICROCREDITO”

L’intervento del Fondo di Garanzia per le PMI è volto a concedere una garanzia pubblica, assistita dalla garanzia di ultima istanza dello Stato Italiano, su finanziamenti rientranti nella definizione di operazioni di microcredito

La concessione e l’erogazione di detti finanziamenti sono di esclusiva competenza degli intermediari finanziari abilitati all’esercizio del credito.

OGGETTO E FINALITÀ

Favorire la microimprenditorialità nell’accesso alle fonti finanziarie mediante la concessione di una garanzia pubblica per sostenere l’avvio e lo sviluppo delle microimprese (organizzate in forma individuale, di associazione, di società di persone, di società a responsabilità limitata semplificata o di società cooperativa) e dei professionisti iscritti agli ordini professionali o aderenti alle associazioni iscritte nell’apposito elenco tenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico.

PRINCIPI GENERALI

Le operazioni di microcredito sono caratterizzate essenzialmente dall’erogazione dei servizi ausiliari di assistenza e di monitoraggio da parte dell’intermediario finanziario. L’intervento sulle operazioni di microcredito è incardinato nell’operatività generale del Fondo. Si applicano, pertanto, le previsioni generali del Fondo in materia di tipologie di soggetti beneficiari (professionisti ed imprese), attività ammissibili e regime di agevolazione (autorizzato ovvero de minimis).

VALUTAZIONE DELLE IMPRESE BENEFICIARIE

Sulle operazioni di microcredito non viene effettuata alcuna valutazione di merito di credito da parte del Gestore del Fondo.

PROCEDURA DI ACCESSO DIRETTO (PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA)

Ferme restando le ordinarie modalità di accesso alla garanzia del Fondo da parte dei soggetti richiedenti, i soggetti beneficiari finali possono attivare la procedura di accesso diretto.

I soggetti beneficiari finali possono, anche prima della presentazione della richiesta di finanziamento a un soggetto finanziatore, presentare al Gestore del Fondo richiesta di prenotazione delle somme necessarie alla copertura finanziaria della garanzia.

La richiesta di prenotazione è presentata in via telematica, accedendo all’apposita sezione del sito Internet del Fondo (www.fondidigaranzia.it) dedicata al microcredito, previa registrazione e utilizzo delle credenziali di accesso rilasciate.

Le modalità di effettuazione della registrazione prevedono l’indicazione di nome, cognome, codice fiscale, indirizzo email e numero di telefono della persona da registrare, che può anche non appartenere all’impresa interessata alla prenotazione.

Le modalità di effettuazione della prenotazione prevedono l’indicazione del codice fiscale, della denominazione, della natura giuridica e dell’indirizzo email (semplice o PEC) dell’impresa interessata e dell’importo dell’operazione di microcredito (max € 35.000,00).

A seguito della presentazione della richiesta di prenotazione della garanzia, il sistema informativo del Fondo attribuisce automaticamente un codice identificativo alla richiesta di prenotazione e produce la conseguente ricevuta dell’avvenuta prenotazione delle risorse, che il soggetto beneficiario finale deve indicare al soggetto finanziatore al quale intende richiedere il finanziamento.

La prenotazione resta valida per i 5 giorni lavorativi successivi alla data del suo inserimento sul sistema informativo del Fondo. Entro il predetto termine, la prenotazione deve essere confermata, a pena di decadenza, dal soggetto finanziatore prescelto, che attesta di aver ricevuto dal soggetto beneficiario finale formale richiesta di finanziamento. A tal fine, il soggetto finanziatore accede alla sezione microcredito del sito Internet del Fondo, utilizzando, oltre alle credenziali di accesso rilasciate dal Gestore in sede di abilitazione a operare, il predetto codice identificativo.

N.B. Anche nel caso in cui l’impresa beneficiaria opti per l’accesso al Fondo nella forma della controgaranzia (obbligatorio nelle regioni Abruzzo, Marche e Toscana e, su tutto il territorio nazionale, per le imprese operanti nel settore agricolo primario) la conferma della prenotazione può essere effettuata soltanto dal soggetto che finanzia l’impresa (banca o intermediario finanziario).

La prenotazione conserva la sua validità per i 60 giorni successivi alla data della conferma. Nel caso in cui il soggetto finanziatore intende concedere il finanziamento richiesto al soggetto beneficiario finale, esso, ovvero il confidi garante (nel caso di controgaranzia), deve, entro il predetto termine, inviare al Gestore del Fondo la relativa richiesta di garanzia. Trascorso tale termine senza che la predetta richiesta di garanzia sia stata presentata, la prenotazione decade e le risorse accantonate rientrano nella disponibilità del Fondo.

Una nuova richiesta di garanzia da parte dell’intermediario potrà tuttavia essere presentata e regolarmente presa in carico da parte del Gestore.

Al fine di agevolare i soggetti beneficiari finali, nella sezione del sito Internet del Fondo dedicata al microcredito, è riportato l’elenco dei soggetti abilitati a operare con il Fondo.

Si rammenta che l’operatività è soggetta alla regolamentazione generale del Fondo e che, pertanto, la richiesta di garanzia o controgaranzia deve essere presentata dall’intermediario richiedente prima della delibera di concessione del finanziamento. È consentita l’adozione della predetta delibera soltanto se la stessa sia condizionata all’intervento del Fondo.

UTILIZZO DELLE RISORSE PER LE OPERAZIONI DI MICROCREDITO

Le  garanzie  sulle  operazioni  di  microcredito  sono  concesse  a  valere sulle risorse ordinarie del Fondo.

La quota di destinazione, individuata dal DM 24/12/2014 (5% delle risorse ordinarie nazionali del Fondo PMI, con il massimo di € 30 milioni, più le ulteriori disponibilità derivanti da assegnazioni da parte di enti pubblici e privati e istituzioni), rappresenta il plafond entro il quale è possibile acquisire da parte del Gestore le prenotazioni on line.

Nei casi nei quali le prenotazioni on line impegnino l’intero plafond, la procedura on line di prenotazione delle risorse viene sospesa, per essere eventualmente riattivata con le risorse liberate dalle prenotazioni non confermate.

Nei casi di sospensione della procedura di prenotazione on line, le domande di garanzia sulle operazioni di microcredito presentate, anche in assenza di prenotazione, dagli intermediari accreditati continueranno ad essere accettate e lavorate dal Gestore.

GARANZIA DELLO STATO

L’intervento del Fondo è assistito dalla Garanzia dello Stato ai sensi della Legge n. 2/2009 e del Decreto MEF del 25/03/2009. Il principale effetto di queste norme è quello di riconoscere attenuazione del rischio di credito sulle garanzie concesse dal Fondo.

Pertanto, i soggetti finanziatori potranno applicare alle esposizioni così garantite la c.d. ponderazione zero.

MODALITÀ DI INTERVENTO DEL FONDO

Garanzia diretta (non disponibile in Toscana, Marche ed Abruzzo e, su tutto il territorio nazionale, per le imprese operanti nel settore agricolo primario), concessa direttamente ai soggetti finanziatori;

Controgaranzia, concessa ai soggetti garanti.

COPERTURA DELLA GARANZIA DIRETTA

Fino all’80% dell’operazione finanziaria.

COPERTURA DELLA CONTROGARANZIA

Fino all’80% dell’importo garantito dal Confidi o altro fondo di garanzia a condizione che lo stesso non abbia garantito più dell’80% dell’operazione finanziaria.

GRATUITÀ

L’intervento del Fondo sulle operazioni di microcredito è completamente gratuito.

CUMULABILITÀ

La garanzia diretta e la controgaranzia sono cumulabili, sulla stessa operazione, con altre garanzie pubbliche nei limiti delle misure massime previste per il Fondo;

La garanzia diretta e la controgaranzia sono cumulabili, sullo stesso investimento, con altri regimi di aiuto.

EFFICACIA AGEVOLATIVA DELL’INTERVENTO (ESL)

Per ciascuna operazione l’ESL è determinata in funzione della finalità (liquidità ovvero investimento), della durata (max 7 anni), e del tasso di riferimento comunitario (lo 0,96% a far tempo dal 1° ottobre 2016, che sviluppa una ESL massima pari all’8,72% circa dell’importo garantito).

SOGGETTI RICHIEDENTI

Possono richiedere la garanzia diretta:

  • le banche;
  • gli intermediari finanziari vigilati;
  • gli operatori iscritti nell’elenco di cui all’art. 111 T.U.B.; Possono richiedere la controgaranzia:
  • i consorzi di garanzia collettiva fidi (confidi);
  • gli altri fondi di garanzia gestiti da banche e intermediari

 

IL DECRETO MEF 176/2014 E LA DISCIPLINA DEL FONDO

AMBITO DI APPLICAZIONE

La parte del Decreto MEF 176/2014 interessata dall’intervento del Fondo è quella relativa alla microimprenditorialità, vale a dire quella disciplinata dal Titolo I con l’esclusione della finalità dell’inserimento del mercato del lavoro da parte delle persone fisiche.

SOGGETTI BENEFICIARI (art. 1 Decreto MEF 176/2014)

Professionisti e imprese titolari di partita IVA da non più di 5 anni, in possesso dei seguenti requisiti:

  • professionisti e imprese individuali aventi fino a 5 dipendenti;
  • società di persone, SRL semplificate, cooperative con dipendenti non soci fino a 10 unità;
  • imprese che abbiano avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di richiesta di finanziamento o dall’inizio dell’attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo fino a 300.000 euro;
  • imprese che abbiano realizzato, nei tre esercizi antecedenti la data di richiesta di finanziamento o dall’inizio dell’attività se di durata inferiore, in qualunque modo risulti, ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo fino a 200.000 euro;
  • imprese che alla data di richiesta di finanziamento presentino un livello di indebitamento fino a 100.000

Non rientrano tra i soggetti beneficiari le persone fisiche.

FINALITÀ DEI FINANZIAMENTI (art. 2 Decreto MEF 176/2014)

  • acquisto di beni, ivi incluse le materie prime necessarie alla produzione di beni o servizi e le merci destinate alla rivendita, o di servizi strumentali all’attività svolta, compreso il pagamento dei canoni delle operazioni di leasing e il pagamento delle spese connesse alla sottoscrizione di polizze assicurative. I finanziamenti possono essere concessi anche nella forma di microleasing finanziario;
  • retribuzione di nuovi dipendenti o soci lavoratori;
  • pagamento di corsi di formazione volti ad elevare la qualità professionale e le capacità tecniche e gestionali del professionista, dell’imprenditore e dei relativi dipendenti; i finanziamenti concessi alle società di persone e alle società cooperative possono essere destinati anche a consentire la partecipazione a corsi di formazione da parte dei soci.

SERVIZI AUSILIARI DI ASSISTENZA E MONITORAGGIO (art. 3 Decreto MEF 176/2014)

L’intermediario finanziatore è tenuto a prestare, in fase istruttoria e durante il periodo di rimborso, almeno due dei seguenti servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio ai soggetti finanziati:

  • supporto alla definizione della strategia di sviluppo del progetto finanziato e all’analisi di soluzioni per il miglioramento dello svolgimento dell’attività;
  • formazione sulle tecniche di amministrazione dell’impresa, sotto il profilo della gestione contabile, della gestione finanziaria, della gestione del personale;
  • formazione sull’uso delle tecnologie più avanzate per innalzare la produttività dell’attività;
  • supporto alla definizione dei prezzi e delle strategie di vendita, con l’effettuazione di studi di mercato;
  • supporto per la soluzione di problemi legali, fiscali e amministrativi e informazioni circa i relativi servizi disponibili sul mercato;
  • supporto all’individuazione e diagnosi di eventuali criticità dell’implementazione del progetto finanziato.

AMMONTARE MASSIMO, CARATTERISTICHE DEI FINANZIAMENTI E CANALI DISTRIBUTIVI (art. 4 Decreto MEF 176/2014)

I finanziamenti non possono essere assistiti da garanzie reali e non possono

eccedere il limite di euro 25.000 per ciascun beneficiario. Il limite può essere aumentato di euro 10.000, qualora il contratto di finanziamento preveda l’erogazione frazionata subordinando i versamenti successivi al verificarsi delle seguenti condizioni:

  • il pagamento puntuale di almeno le ultime sei rate pregresse;
  • lo sviluppo del progetto finanziato, attestato dal raggiungimento di risultati intermedi stabiliti dal contratto e verificati dall’operatore di microcredito.

 

L’intermediario finanziatore può concedere allo stesso soggetto un nuovo finanziamento per un ammontare, che sommato al debito residuo, non superi il limite di 25.000 euro o, nei casi previsti, di 35.000 euro.

Il rimborso dei finanziamenti è regolato sulla base di un piano con rate aventi cadenza al massimo trimestrale. La data di inizio del pagamento delle rate può essere posposta per giustificate ragioni connesse con le caratteristiche del progetto finanziato.

La durata massima del finanziamento non può essere superiore a 7 anni.

N.B. Il Decreto MEF 176/2014 contempla la possibilità di concedere operazioni di microcredito di durata superiore a 7 anni, con il massimo di 10 (per il pagamento di corsi di formazione anche di natura universitaria o post‐ universitaria volti ad agevolare l’inserimento nel mercato del lavoro delle persone fisiche beneficiarie del finanziamento). Tale finalità è stata omessa in quanto esclusivamente riferita a soggetti non ammissibili all’intervento del Fondo.

Gli intermediari concludono direttamente i contratti di finanziamento. Per la promozione e il collocamento dei contratti di finanziamento, ove non curati direttamente, gli intermediari possono avvalersi esclusivamente di soggetti specializzati nella prestazione dei servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio.

TASSO DI INTERESSE

Al tasso effettivo globale (TEG) delle operazioni di microcredito garantite dal Fondo, in quanto rientranti nella fattispecie prevista dal Titolo I del Decreto MEF 176/2014 (microimprenditorialità), non si applica la limitazione prevista dal comma 6, dell’art. 5 del predetto Decreto (80% del TEG medio praticato sulle operazioni della categoria) poiché tale limitazione è destinata alle operazioni di cui al Titolo II (inclusione sociale e finanziaria).